Il Lifting delle braccia, o Brachioplastica, è un intervento di rimodellamento degli arti superiori, più precisamente per la lunghezza che va dal gomito alla spalla.

Il lifting delle braccia permette di correggere il rilassamento cutaneo, comunemente detto “ali di pipistrello”, e ad eliminare l’eventuale accumulo di adipe – spesso dovuti a rilevanti variazioni di peso, da una scarsa elasticità o dai naturali processi di maturazione – dando così maggiore tonicità alla zona trattata.

L’intervento

La procedura si effettua in day surgery in anestesia locale con sedazione o generale.

In caso di adiposità, la prima fase dell’intervento prevede una lipoaspirazione per diminuire il perimetro delle braccia; in seconda fase si procederà con la rimozione del tessuto cutaneo in eccesso. A seconda dell’entità dell’inestetismo, la brachioplastica può comportare una cicatrice nell’area interna delle braccia, oppure un taglio molto più ristretto localizzato nella piega del cavo ascellare.

Mentre per quest’ultimo caso la cicatrice non sarà visibile, nel primo caso, invece, sarà importante seguire le indicazioni mediche per una cicatrizzazione ottimale e dagli esiti meno evidenti.

Decorso Post Operatorio

Nel decorso post operatorio è fondamentale che il paziente indossi una guaina compressiva da indossare per almeno un paio di settimane. Dopo qualche giorno di riposo, sì potrà riprendere la vita ordinaria, fatta eccezione per l’attività fisica per la quale è richiesto un periodo di sospensione di un mese. Il risultato sarà apprezzabile già dalla terza settimana.

I Timori dei Pazienti

La brachioplastica, essendo un’operazione chirurgica, può presentare complicanze come ematomi, sieromi o infezioni, facilmente trattabili per via locale o antibiotica. Inoltre, è possibile riscontrare eventuali deiscenze della lesione, ugualmente risolvibile con apposite medicazioni.

Qualora le cicatrici dovessero dilatarsi, a distanza di 6-12 mesi potrebbe rendersi necessaria una revisione chirurgica.

WhatsApp chat