A proposito di Mastoplastica Additiva…

Il seno è la parte più importante del corpo di una donna: è il simbolo di tutti quei valori che denotano e connotano la sua femminilità, perché rappresenta la fertilità, la maternità, tutte qualificazioni a cui la donna è sempre stata associata.

Preventivo Mastoplastica additiva Italia

Molte donne non sono soddisfatte del proprio seno: chi ha le mammelle sproporzionatamente piccole, o che hanno perso di consistenza, o risultano pendule a causa di numerosi allattamenti, o che sono asimmetriche o, infine, che hanno o un volume troppo piccolo, possono sottoporsi a un intervento di Mastoplastica Additiva.

Scopo del aumento del seno

La Mastoplastica Additiva ha lo scopo di aumentare il volume del seno grazie all’inserimento di protesi mammarie di ultima generazione che contribuiscono a rimodellare chirurgicamente la regione mammaria migliorandone l’aspetto. Grazie ai progressi che questo intervento ha subito, oggi l’operazione di mastoplastica additiva lascia cicatrici piccole e invisibili e non richiede più l’impiego di drenaggi.

La Mastoplastica Additiva è uno degli interventi più richiesti, pertanto è necessario essere correttamente informate sulle modalità e sulle procedure da seguire prima di sottoporsi all’operazione. Un’accurata visita specialistica è obbligatoria per valutare le condizioni fisiche della paziente, l’effettiva entità dell’inestetismo che si vuole curare e la tecnica d’intervento da adottare.

L’operazione di mastoplastica additiva

L’operazione vera e propria avviene attraverso una piccola incisione di circa 5 cm nel solco sottomammario, oppure nel cavo ascellare o nel contorno inferiore dell’areola, allo scopo di creare la via d’accesso per introdurre l’impianto protesico in una tasca preparata appositamente al di sotto della ghiandola o del muscolo pettorale. L’operazione ha una durata compresa tra i 60 e i 120 minuti e oggi viene eseguita quasi sempre in anestesia locale associata a sedazione, in regime di day surgery, ovvero la paziente può rientrare a casa propria già qualche ora dopo l’intervento. Attualmente, grazie all’utilizzo di suture riassorbibili sottocutanee, non è necessario procedere alla rimozione dei punti di sutura. Solo raramente, quando questo è necessario, si provvede a farlo dopo circa 7-10 giorni.

Il decorso post-operatorio vero e proprio, invece, prevede un’assenza di attività fisiche nella prima settimana dopo l’intervento e l’utilizzo di un reggiseno contenitivo per circa un mese. Si potrà inoltre tornare a praticare attività sportive dopo circa 1 mese.